Foligno

Calendario eventi

Cielo di Agosto 

agosto_20170815_2200_OrizzonteZ.jpg

   
Martedì, 01 Agosto 2017,  8:00 -  5:00
   

PIANETI

Mercurio: all’inizio del mese si potrebbe tentare una non facile individuazione del pianeta tra le luci del crepuscolo serale, sull’orizzonte occidentale, dove tramonta un’ora dopo il Sole. In seguito Mercurio diventa del tutto inosservabile a causa della vicinanza con il Sole, con cui si trova in congiunzione inferiore il giorno 26 agosto.

Venere: visibilità mattutina, Il 5 agosto sorge ben 3 ore prima del Sole. Tra le luci dell’alba il suo fulgore risplenderà sull’orizzonte ad Est. Venere attraversa per intero la costellazione dei Gemelli; dal 25 agosto lo possiamo osservare nel Cancro.

Marte: il pianeta rosso è ancora molto vicino al Sole e per tutto il mese rimane praticamente inosservabile. A fine agosto ricompare al mattino poco prima del sorgere del Sole, ma sarà molto difficile individuarlo, estremamente basso sull’orizzonte orientale, tra le luci dell’alba. Marte completa il suo percorso attraverso la costellazione del Cancro e dal 17 agosto si trova nel Leone.

Giove: è ancora possibile osservarlo sull’orizzonte occidentale dopo il tramonto del Sole, ma per un periodo di tempo sempre più limitato. A fine mese tramonta ormai prima delle ore 22:00. Nel corso del mese Giove percorre un tratto della costellazione della Vergine avvicinandosi lentamente alla stella Spica.

Saturno: al calare dell’oscurità lo si individua facilmente al culmine in direzione Sud. Possiamo quindi osservare agevolmente il pianeta nel corso della prima parte della notte, fino a che non si abbassa sull’orizzonte occidentale, dove lo vedremo tramontare poco dopo la mezzanotte a fine mese. Saturno si muove con moto retrogrado fino al giorno 25, quando riprende il moto diretto, sempre all’interno della costellazione dell’Ofiuco.

COSTELLAZIONI

In una notte senza Luna, attendiamo lo spengersi delle ultime luci del crepuscolo e volgiamo lo sguardo verso Sud. Ci troviamo nel Sagittario, costellazione che occupa la zona della volta celeste nella quale è situato il centro della nostra galassia, la Via Lattea.
Da quell'area si origina un fiume di stelle che si estende tutto intorno a noi e che possiamo seguire alzando lo sguardo e andando in alto e verso sinistra, attraverso il Triangolo Estivo - ovvero le costellazioni dell'Aquila, della Lira e del Cigno.
lungo la fascia zodiacale, nelle prime ore della sera c'è ancora tempo per riconoscere le costellazioni della Bilancia e dello Scorpione che si avviano al tramonto verso occidente; a Sud - Est troviamo invece il Capricorno e l'Acquario, costellazioni relativamente grandi ma prive di stelle brillanti e difficilmente riconoscibili senza l'ausilio di una carta del cielo.
A Nord-Ovest la brillante stella Arturo contende a Vega il primato di astro più luminoso: essa fa parte del Bootes, dall'inconfondibile forma ad aquilone.
Alla sua sinistra, la piccola costellazione della Corona Boreale.
Vega, che già sappiamo riconoscere come uno dei vertici del Triangolo Estivo, insieme a Deneb e Altair, nelle prima parte della notte si trova prossima allo Zenit, proprio sopra le nostre teste, e costituisce un buon punto di riferimento per proseguire il riconoscimento delle altre costellazioni.
Partendo da Vega e spostandoci verso Ovest possiamo individuare la costellazione di Ercole; più in basso, tra Vega e Antares (la stella più luminosa dello Scorpione) situata l'ampia ma poco appariscente costellazione dell'Ofiuco.
Ancora nei pressi del Triangolo Estivo, in particolare nelle notti non disturbate dalla luce della Luna, possiamo cimentarci nel riconoscimento delle costellazioni minori, come la Freccia - tra il Cigno e l'Aquila - o il Delfino, facilmente individuabile per la sua forma a rombo.
In direzione Nord, la Stella Polare è come sempre al centro della famiglia delle Costellazioni Circumpolari. L'Orsa Maggiore e l'Orsa Minore sono accompagnate, procedendo in senso antiorario, dal Dragone, da Cefeo e, con la caratteristica forma a "W", da Cassiopea. Infine a Est vedremo sorgere il grande quadrilatero di Pegaso, seguito da Andromeda e Perseo, che ritroveremo protagonisti dei cieli autunnali.
Ricordiamo che nel Perseo si trova il "radiante" dello sciame di meteore detto appunto delle "Perseidi".

Come ogni anno, la UAI promuove su tutto il territorio nazionale l'iniziativa "NOTTI DELLE STELLE - CALICI DI STELLE 2017" , il tradizionale appuntamento con le serate osservative abbinate in molte località con la nota manifestazione enogastronomica ideata dal MOVIMENTO TURISMO del VINO e promossa in collaborazione con l’ ASSOCIAZIONE NAZIONALE CITTÀ DEL VINO.

Nell'occasione La nostra associazione organizza l'osservazione del cielo con il telescopio a Montefalco, presso porta Camiano il 10 di agosto. Un'opportunità imperdibile per passare una serata dedicata alla scoperta del cielo estivo, in attesa delle meteore dello sciame delle Perseidi.

Giovedì 10 agosto 2017 alle 22:13:38 guardando verso ovest sarà possibile osservare la stazione spaziale internazionale, dove attualmente opera il nostro astronauta Paolo Nespoli al suo terzo volo.

dal sito ufficiale UAI

indietro

Questo sito usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione ed altre funzioni. Utilizzando il sito si accetta che questi tipi di cookie vengano posti sul proprio dispositivo.

Mostra l'informativa sulla privacy

I cookie sono stati rifiutati. Questa scelta può essere cambiata in un secondo momento.

Si è acconsentito a porre i cookie sul proprio dispositivo. Questa scelta può essere cambiata in un secondo momento.